Cos’è l’Arteterapia e perché in uno studio PsicoPedagogico?

L’Arteterapia è una disciplina che utilizza l’espressione artistica allo scopo di promuovere il benessere e la salute psicofisica dell’individuo.

L’Arteterapia si orienta verso il recupero e alla crescita del soggetto e delle sue emozioni, si caratterizza dunque come un approccio di sostegno non-verbale, la quale attraverso le arti pittoriche, la musica, la danza, il teatro e la narrazione di storie cerca di attivare un miglioramento dello stato di benessere della persona, migliorandone la qualità del vissuto.

Il focus dell’arte-terapia, più che sul prodotto artistico finale, è sul processo creativo in sé. Ciò che è importante è soprattutto l’esprimersi, il creare.  L’atto di produrre un’impronta creativa, infatti, permette all’individuo di contattare ed esprimere le emozioni, e di sperimentare e potenziare abilità spesso ignorate o inutilizzate.

La stanza dell’arteterapia è un ambiente protetto e non giudicante, caratterizzato dalla presenza di materiali artistici di diverso tipo come: pastelli, tempere, pennelli, acquerelli, creta, ma anche strumenti musicali, foulard, ecc…

All’interno di uno Studio PsicoPedagogico l’ausilio dell’Arte Terapia fornisce uno strumento di sostegno non invasivo volto al raggiungimento di progressi nelle abilità cognitive, affettive (personali e relazionali) e che accrescono l’autostima. Viene utilizzata anche nel trattamento di disturbi specifici quali: ADHD, Autismo, Mutismo selettivo, Deficit della Coordinazione motoria, Ritardi mentali, Disturbi emotivi e comportamentali, ecc…

2018-03-20T18:25:29+00:00